MARRAKECH

AFRICA, MAROCCO
Sicuramente una delle città più belle e affascinanti del Marocco, io me ne sono completamente innamorata, nessun viaggio in Nord Africa può dirsi completo senza aver visitato Marrakech. Questa città millenaria è sede di una fiorente medina, di negozi incredibili e di alcune delle più belle architetture che troverai in qualsiasi altra parte del mondo. Marrakech è anche famosa per i suoi bellissimi riad (antiche case di famiglia trasformate in b&b e hotel). Ho amato ogni cosa di Marrakech, I colori, l’architettura, la storia, la gente del posto e ovviamente il cibo! Sei pronto ad innamorarti anche tu ?

 

Ecco la mia guida di viaggio a Marrakech

Cosa  aspettarsi  a  Marrakech ?

Lingue parlate: Le lingue ufficiali del paese sono il Berbero e l’Arabo. Ma la lingua che ti capiterà più spesso di sentire sarà il Francese,  quest’ultima è ampiamente diffusa e parlata come lingua madre da tutta la popolazione del Marocco.  L’inglese viene capito a livello turistico ma è parlato da pochi, per questo motivo ti tornerà sicuramente utile conoscere qualche parola di Francese.

Valuta: La moneta Marocchina è il dirham. 1 euro equivale a circa 11 dirham. Il mio consiglio è quello di portare con te dei soldi liquidi, sopratutto se hai intenzione di fare shopping nel souk della Medina in quanto non tutti i ristoranti e negozi accettano le carte.  Aspettati di contrattare, sia all’interno del souk che per prendere i taxi.

Clima: Marrakech è calda tutto l’anno, le temperature medie si aggirano intorno ai 13 gradi nei mesi più freddi e i 30 in estate. Durante i mesi estivi più caldi si possono raggiungere anche i 40 gradi. Per questo a mio parere il periodo migliore per visitare la città è la primavera o l’autunno, sconsiglio di visitarla da fine giugno ad Agosto. Ma se hai deciso di andare nei mesi più caldi ti consiglio di optare per un riad/hotel provvisto di piscina dove potrai rigenerarti dopo le lunghe camminate nella Medina.

Come vestirsi: Il Marocco è un paese musulmano, noterai presto delle differenze culturali. Parlando In linea generale ti consiglio di mettere in valigia vestiti leggeri e larghi che coprano le spalle e le ginocchia, c’è anche da dire che rispetto le altre città marocchine Marrakech è molto turistica e quindi più tranquilla sotto questo punto di vista, le persone locali sono abituate al modo di vestire di noi occidentali. Quindi non farti troppi problemi ad indossare uno shorts o un vestitino, ovviamente non esagerando con scollature vertiginose o gonne cortissime che attirino troppo l’attenzione specialmente di sera. Io personalmente tendevo a coprirmi più la sera e quando giravamo per la Medina, per il tempo restante e quando visitavamo posti che lo permettevano ho optato per vestiti più scoperti, anche perchè dopo lunghe camminate sotto il sole il caldo si faceva sentire.

Usanze locali: Come ho già detto a Marrakech per acquistare la qualunque all’interno dei souk dovrai contrattare, e la parte più divertente, sarà riuscire ad acquistare quello che vuoi al prezzo che hai deciso. Un altro consiglio che avrei voluto ricevere anche io prima di prenotare il mio viaggio nella città rossa è quello di controllare che le date che hai scelto per il  viaggio non coincidano con quelle del ramadan, poichè in quei giorni la maggior parte dei negozi e ristoranti saranno chiusi.

Girare per Marrakech a piedi non è cosi semplice come sembra, può essere molto stressante ma con le giuste accortezze e i consigli che sto per darti riuscirai a goderti l’atmosfera della città e passeggiare per la medina diventerà una piacevole avventura. Anche se il centro storico della città non è molto grande ti renderai conto sin da subito che è un vero e proprio dedalo di strade e vicoli stretti, dove sarà quasi impossibile non perdersi almeno una volta.

Ti consiglio di avere una mappa cartacea oppure di utilizzare un telefono con i dati e consultare le mappe di google, in quanto sarà facile perdersi a causa della scarsità di indicazioni segnalate e dei nomi delle vie che spesso non sono presenti. Se hai già pianificato il tuo itinerario potresti scaricare in anticipo questa applicazione che ti permetterà di avere le tue mappe offline.

Mi raccomando di non chiedere indicazioni alle persone del posto, lo so sembra una cosa strana, ma nella maggior parte dei casi si offriranno di accompagnarti e cercheranno in tutti i modi di farti fare dei giri più lunghi all’interno del souk cosi che tu possa comprare qualcosa, e una volta arrivati a destinazione ti chiederanno dei soldi.

Se rifiuti di pagarli potrebbero essere molto insistenti, io e il mio ragazzo abbiamo vissuto un brutto episodio il secondo giorno, se dovesse capitarti un esperienza simile niente paura, a me è bastato dire loro che avrei chiamato la polizia ed i ragazzi che ci stavano infastidendo si sono volatilizzati.

Data l’esperienza che ho avuto ti consiglio di ignorare educatamente tutte le persone del posto che vedendoti un po’ sperso si offriranno di accompagnarti.

Per arrivare in città dall’aereoporto il mio consiglio è quello di metterti d’accordo in anticipo con il riad o l’hotel in cui alloggerai per organizzare il trasferimento, specialmente se hai deciso di alloggiare nella medina, in questo modo sarà molto più semplice raggiungere la tua destinazione senza stressarti più di tanto. L’auto ti verrà a prendere direttamente all’aereoporto e ti lascerà nel punto più vicino per raggiungere il tuo riad, questo servizio include anche l’aiuto per portare i bagagli. Solitamente il costo del transfer è di 15 euro.

PETIT TAXI

Quello che c’è da sapere sui taxi a Marrakech è semplice :

  • Ce ne sono in grandi quantità in qualsiasi ora del giorno. I taxi sono la scelta migliore per spostarsi a Marrakech hanno prezzi accessibili rispetto altre città del mondo. Ti consentiranno di fare rapidi spostamenti all’interno della medina, specialmente quando sarai stanco di camminare.
  • Per la tariffa dovrai contrattare il prezzo anticipatamente in quanto i taxisti non accendono quasi mai il tassametro.
  • Di giorno una corsa dovrebbe costare 20 dh, se non riesci a contrattare non più di 30 dh. Solitamente di sera la tariffa base dovrebbe essere di 30dh ma sono soliti alzare le tariffe per i turisti facendole partire da 50dh. Sii irremovibile e se non accettano piuttosto cerca un altro taxi per 30dh.
  • Evita di prendere i taxi vicino le fermate adibite, contrattano difficilmente il prezzo, piuttosto allontanati di qualche metro e ferma i taxi vuoti che passano per la strada ne troverai sicuramente uno che ti accompagnerà ad un prezzo migliore.

Cosa  visitare ?

Piazza Jemaa El-Fna  È la piazza principale di Marrakech, nelle prime ore della sera si trasforma in uno dei mercati più frenetici che io abbia mai visto. In questa piazza potrai fare dello shopping o provare lo sreet food marocchino ma quello che ti consiglio di fare è di guardare la piazza prendere vita all ‘ora del tramonto da una delle terrazze dei bar circostanti.

Palazzo della Bahia  Questo palazzo del XIX secolo è stato costruito per il visir del sultano del tempo ed è caratterizzato da un mix di splendidi stili architettonici arabi. Il palazzo Bahia occupa una superfice di 8 ettari, è uno dei capolavori dell’architettura marocchina. Questo gioiello è stato sapientemente decorato con soffitti intarsiati, coloratissime piastrelle, maestosi lampadari, giardini, alberi da frutto e fontane.

Shopping nei Souk  Riempono letteralmente le strade della medina, infatti all’interno dei souk troverai un labirinto di vicoli pieni di negozi. Qui potrai trovare di tutto, spezie, scarpe, vestiti, arredi per la casa e souvenir. Sii pronto a negoziare! fare shopping nei souk di Marrakech è una vera e propria esperienza.

La Mamounia  Questo lussuosissimo hotel è ricco di storia e i suoi giardini sono parte di essa. Se soggiornare in questo hotel non è nel tuo budget, ti consiglio di visitarlo comunque e di perderti nei suoi bellissimi giardini. Se desideri goderti più tempo al suo interno e trascorrere un’intera giornata di relax potrai acquistare il pass giornaliero che comprende un trattamento termale e un pranzo per circa 50 euro. Ti raccomando di prenotare questo servizio in anticipo in quanto hanno un numero limitato di pass giornalieri per i non ospiti dell’hotel.

Giardini Majorelle  Un giardino botanico di 12 acri dove è  sepolto lo stilista francese Yves Saint Laurent. Il giardino è ricco di vegetazione tra cui cactus di ogni tipo, fiori meravigliosi e palme imponenti, è collegato al museo di YSL. Ti consiglio di visitarlo la mattina presto per evitare le code.

Moschea Koutoubia  Un’imponente moschea nel cuore della medina esattamente a pochi passi da piazza Jema El-Fna. Questa moschea è la più grande di Marrakech, è permesso l’accesso solo ai musulmani ma vale la pena vederla dall’esterno.

Ben Youssef Madrasa  Nascosto tra le strette vie della medina troverete questo splendido edificio. Una Madrasa è una scuola musulmana specializzata in discipline religiose. La Madrasa Ben Youssef era considerata al tempo la più grande scuola coranica del Nord Africa. Anche se oggi non è più attiva, è stata restaurata ed aperta al pubblico. Ti consiglio di visitarla per amminare la bellezza della sua architettura. 

Hammam  L’hammam è considerato dal popolo marocchino un rituale termale, un’ esperienza ma sopratutto un momento per socializzare. Questo trattamento antico consiste nel lavaggio con il sapone nero . Puoi concederti un Hammam nelle spa o se desideri avere un esperienza più autentica in un riad o in un hammam pubblico. Vivere questa esperienza è un must in Marocco.

DOVE E COSA MANGIARE

La cucina marocchina è varia, gustosa e saporita, ha circa duemila anni di storia ed è un vero e proprio mix di contaminazioni di paesi lontani. Questa cucina è caratterizzata dall’uso di spezie e aromi.  Tra i piatti più caratteristici che ho potuto assaggiare e mi sento di consigliarti troviamo La tajine, il cous cous, i briouats e la pastilla. Per quanto riguarda i dolci ti capiterà spesso se hai deciso di alloggiare in un riad di fare colazione con diverse tipologie di ciambelle e frittelle marocchine, di queste ultime solitamente ne troverai di due tipologie quelle più spugnose si chiamano Beghrir invece quelle più simili a un mix tra pastasfoglia e una crepe si chiamano M’semmen quest’ultime sono in assoluto le mie preferite! ti consiglio di provarle entrambe con il miele e le loro marmellate fatte in casa magari accompagnate da un bicchiere di succo d’arancia appena spremuto. Ultimo ma non per importanza.. il tè verde alla menta! è la bevanda nazionale marocchina ed è considerato il simbolo di ospitalità e cordialità, per questo motivo ti verrà offerto praticamente ovunque, come gesto per darti il benvenuto nel tuo riad/hotel ma anche durante le trattative nel mercato. (Se ti venisse offerto nel souk, per questioni igieniche,ti consiglio di rifiutare gentilmente).

Trovare un posto dove mangiare bene a Marrakech può risultare difficile e anche se hai fatto mille ricerche e sei stato molto attento nella scelta è piuttosto facile incappare in locali turistici dove il cibo è mediocre. Per questo motivo ti lascio qui di seguito una lista di ristoranti che ho provato e che mi sento di consigliarti.

NOMAD –  Situato nella medina con la sua terrazza che affaccia proprio nella piazza delle spezie, (dandone una magnifica vista a 360 gradi) è conosciuto per la sua rivisitazione moderna della cucina marocchina. Le porzioni sono abbondanti e come la maggior parte dei locali di Marrakech non serve alcool. Ti consiglio di prenotare in quanto il locale è molto conosciuto e si riempie facilmente.

LE JARDIN –  Come fa capire il nome, questo  bellissimo ristorante è costruito all’interno della corte/giardino di un riad, ed è nascosto tra le fitte stradine della medina. Non è molto facile da trovare ma una volta raggiunta la via guardando tra i vicoli troverai una porta spalancata con un corridoio pieno di specchi una volta entrato il caos dell medina sparirà e ti troverai come per magia in un piccolo paradiso  pieno di fiori e piante e pavimenti intarsiati con zellige di un verde intenso. Si mangia molto bene, e oltre i tipici piatti della tradizione potrai gustare ottime centrifughe e spremute fatte al momento.

I LIMONI –  Questo ristorante è stato forse il mio preferito per quanto riguarda il cibo e la location. Il propietario è italiano e nel menù potrai trovare oltre che fantastici piatti marocchini (tra cui ti consiglio di provare la pastilla di pollo) anche piatti della tradizione italiana. Tutto quello che abbiamo ordinato era strabuono ed il servizio ottimo. L’ambiente è molto curato nei dettagli, ed i tavoli sono disposti in un piccolo chiostro con alberi di limoni e una fontana centrale. Un posto magico. Anche qui ti consiglio di prenotare.

IL TUO RIAD – Esatto ti consiglio di mangiare proprio nel tuo riad. Mangiare in un riad è un esperienza da fare, in genere ogni riad ha il proprio cuoco o staff del posto che saprà cucinarti buonissimi piatti tradizionali marocchini, e molto spesso la cucina è molto meglio di quella di altri ristoranti locali. Mi sento di consigliarti questa opzione non solo per il cibo ma anche per la location, è cosi piacevole tornare da una giornata in giro per la città e non dover andare alla ricerca di ristoranti nella medina, ma potersi godere una cena privata a lume di candela sulla terrazza del tuo riad. Per questo ti consiglio vivamente di consumare almeno un pasto all’interno del tuo riad. Ricorda che se intendi cenare nel tuo riad dovrai avvertire il giorno prima, per poter dare il tempo allo staff di comprare gli ingredienti freschi al mercato per preparare la tua cena.

Dove  alloggiare ?

Troverai alloggi di ogni tipo, dai riad più accessibili agli hotel di lusso. Se è la prima volta che sei a Marrakech ti consiglio vivamente di scegliere un riad, possibilmente nel centro della Medina per poter vivere a 360 gradi la città e poter apprezzarne ogni sua sfaccettatura.

COS’E’ UN RIAD ? Il riad è l’abitazione tipica marocchina che nasce in città, non per altro queste strutture sono situate all’interno della medina. Inizialmente i riad erano case private di varie dimensioni con stanze che si sviluppavano intorno al cortile. Quest’ultimo era posizionato al centro del palazzo, veniva percepito come uno spazio tranquillo per rilassarsi, spesso era arricchito da piante, fiori e fontane. Oggi la maggior parte di questi palazzi storici è stata ristrutturata e trasformata in strutture alberghiere mantenendo però sempre la pianta originaria. Queste ”case” sono in media abbastanza piccole (ospitano poche stanze) e spesso a conduzione familiare per questo motivo alloggiare in un riad ti farà vivere appieno il mood di Marrakech e ti farà entrare in contatto con la cultura e le usanze delle persone che  vivono questa città ogni giorno.

Essendo originariamente palazzi antichi ogni riad ha uno stile unico, e la scelta è talmente vasta che troverai sicuramente quello più adatto ai tuoi gusti e alle tue esigenze, cosi da poter vivere letteralmente una vacanza da mille e una notte!

LE RIAD BERBÈRE

Dopo settimane di attente ricerche la scelta è ricaduta su questo graziosissimo riad che tornando indietro risceglierei altre mille volte. Qui di seguito ti mostrerò i motivi che me lo hanno fatto amare così tanto.

La prima cosa che in assoluto mi ha colpito e che ho percepito anche in fase di prenotazione tramite le fotografie, è  stata sicuramente l’atmosfera magica, unica nel suo genere, questo riad è caratterizzato da un’ambiente minimal, fresco ed elegante con pezzi di arredo in perfetto stile marocchino (che io personalmente ADORO ) che  donano un accento caratteristico agli ambienti, ma i protagonisti di questa atmosfera sono i colori che riprendono i toni della terra e le texture raw degli arredi.  Ho amato la corte interna super romantica con il suo giardino e la piccola piscina dove potersi rilassare dopo le lunghe camminate nella frenetica medina. Per non parlare del profumo di rosa che invadeva ogni angolo, ogni volta che rientravamo dopo una lunga giornata in giro per Marrakech ci sembrava di essere in un sogno!

Un altra zona che ho adorato è stata sicuramente la terrazza sul tetto, credo di aver passato ore sdraiata a leggere sui cuscini giganti e a sorseggiare il mio amato tè alla menta. La sera era il nostro posto preferito dove rilassarci e guardare le stelle.

Questo piccolo ed accogliente riad ha solamente 5 stanze, una più bella dell’altra ma la mia preferita è stata sicuramente la stanza con il balconcino che da sulla corte interna, svegliarsi la mattina ed avere davanti agli occhi le palme che svettano dal giardino e tutto quel verde con lo sfondo dei tetti di Marrakech è qualcosa di impagabile.

Il personale è prevalentemente femminile, tutte le signore sono state sempre molto gentili e disponibili, ci hanno coccolato e  offerto ad ogni nostro rientro dei biscottini e del buonissimo tè alla menta (a parer mio il migliore che io abbia assaggiato durante la vacanza). La proprietaria Ingrid, è stata sempre molto gentile e presente e ci ha organizzato senza problemi i trasporti per l’aereoporto.

La prima sera stanchi del viaggio io e il mio ragazzo abbiamo deciso di cenare nel riad, se decidete di pranzare o cenare dovrete informare lo staff in tempo cosi che possa andare a comprare la mattina gli ingredienti e cucinare piatti tipici marocchini solamente per voi.

Devo dire che la cena è stata una piacevole sorpresa, ci hanno allestito un tavolo nella corte a lume di candela, la vasca centrale era illuminata e piena di petali di rosa che galleggiavano a pelo d’acqua. Eravamo solo noi due e uno dei gattini che vivono nel riad che si era accoccolato su un cuscino .. l’atmosfera era super romantica ed il cibo veramente molto buono.

Per non parlare delle colazioni.. ogni mattina sempre abbondanti e varie con diverse specialità e dolci tipici, marmellate, yogurt, uova cucinate in tutti i modi e le crepes marocchine che con il  miele fatto in casa sono fenomenali!

Una delle tante cose che ho apprezzato del riad Berbère è l’offerta di servizi aggiuntivi che ti permettono di fare diverse esperienze e di avvicinarti realmente alla cultura marocchina, come ad esempio le lezioni di cucina, le escursioni nelle città vicine, ma quello che ho amato di più è stato L’hammam nel loro piccolo centro benessere.

Altri  riad  che  ti  consiglio ..